Le notizie non contano...Si inventano!

Mendicanti a Sanremo: via alla raccolta firme

Scritto da | il 3 Maggio 2016 | in Cronaca

I mendicanti cacciati dall’operazione “senza fretta, senza tregua” non ci stanno. Useranno i 20 giorni ancora utili prima dell’espulsione per raccogliere firme tra la cittadinanza.

Dopo l’operazione che ha visto protagoniste le forze dell’ordine in azione per allontanare i mendicanti presenti a Sanremo, le polemiche seguite sui social network (in particolare su facebook, nel gruppo “Sei di sanremo se Mugugni”), le precisazioni e rassicurazioni da parte del sindaco Biancheri, arriva un segnale forte da parte dei mendicanti.

Da qualche giorno avvistati nuovamente per le strade della cittadina della Riviera dei Fiori, coordinati dai responsabili dei “No borders” (che già stanno brillantemente gestendo la faccenda immigrati a Ventimiglia), rom, neri, senzatetto, non si avvicinano più ai passanti per chiedere una monetina, bensì, per chiedere una firma alla petizione per rimanere in città e continuare onestamente a non fare niente e vivere da parassiti.

Il Comitato di coordinamento Mendicanti e Rom (Co.Co.Me.Ro) dichiara.

E’ un a iniziativa umanitaria che i soggetti coinvolti portano avanti con grande sacrificio. Non è da tutti rinunciare ad una monetina in cambio di una firma di solidarietà. La gente reagisce bene, d’altronde siamo in liguria, e non dover mettere mano al portafoglio ben dispone alla concessione della firma. Contiamo di raggiungere tutte le firme necessarie entro i termini in modo da poter evitare l’allontanamento di questa povera gente che ha solo la colpa di non aver voglia di lavorare.

Invitiamo ad ogni cittadino di buon senso ad aderire all’iniziativa.

Unità di raccolta sono presso la Chiesa degli Angeli (secondo gradino), Cattedrale di San Siro (ingresso laterale), Corso Garibaldi (di fronte a Carrefour, angolo Tabaccaio), Via Palazzo (in itinera).

Vi terremo informati su altri eventuali luoghi di incontro.

Gruppo “Sei di Sanremo se mugugni” su Facebook

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Articolo scritto da:

Ermes Palamede

Ermes Palamede

Si parla di:
Commenta questo articolo